Sicurezza delle Macchine – Nuove Direttive Europee e novità normative sugli equipaggiamenti elettrici delle macchine.

Allineamento delle direttive europee di prodotto al nuovo quadro legislativo: novità e indicazioni applicative.

Tra marzo e giugno 2014 è stato completato il processo di adeguamento delle principali Direttive europee di prodotto al Nuovo Quadro legislativo (New Legislative Framework – NLF).

Gazzetta Europea 29 marzo 2014

  • Direttiva 2014/30/UE EMC concernente l’armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri relative alla compatibilità elettromagnetica
  • Direttiva 2014/34/UE ATEX concernente l’armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri relative agli apparecchi e sistemi di protezione destinati a essere utilizzati in atmosfera potenzialmente esplosiva
  • Direttiva 2014/35/UE LVD concernente l’armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri relative alla messa a disposizione sul mercato del materiale elettrico destinato a essere adoperato entro taluni limiti di tensione

Inoltre

  • Nuove Direttive MID; NAWI, Ascensori, SPVD, Esplosivi per uso civile
    09/07/2014

Tra marzo e giugno 2014 è stato completato il processo di adeguamento delle principali Direttive europee di prodotto al Nuovo Quadro legislativo (New Legislative Framework – NLF)

Gazzetta Europea 27 giugno 2014

  • Direttiva 2014/68/UE PED del Parlamento Europeo e del Consiglio del 15 maggio 2014 concernente l’armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri relative alla messa a disposizione sul mercato di attrezzature a pressione
  • Il processo di rifusione è stato realizzato considerando i seguenti macro obiettivi:
    Migliorare e rafforzare la competitività delle imprese che adempiono agli obblighi delle Direttive in rapporto a quelle che raggirano il sistema
  • Migliorare il funzionamento del mercato interno garantendo la parità di trattamento di tutti gli operatori economici, in particolare importatori e distributori
  • Non introdurre costi aggiuntivi per gli operatori economici. Non si prevedono aggravi significativi per coloro che operano nel rispetto dei requisiti di legge

Tutte le nuove Direttive di prodotto non hanno modificato il campo di applicazione e la definizione dei requisiti essenziali di sicurezza

DEFINIZIONI DI CARATTERE ORIZZONTALE

Nei testi delle nuove Direttive sono state introdotte definizioni armonizzate dei termini più comunemente utilizzati, ai quali è stato attribuito un significato uniforme:

  • Messa a disposizione sul mercato e Immissione sul mercato.
  • Operatori economici.
  • Norma armonizzata e Specifica tecnica.
  • Valutazione della conformità.
  • Marcatura CE.

OBBLIGHI DEGLI OPERATORI ECONOMICI

Sono stati individuate tutte le figure che, a vario titolo, intervengono nella catena di fornitura e distribuzione. Per ognuna di queste figure sono state individuati obblighi e responsabilità.

  • Fabbricante: persona fisica o giuridica che fabbrica o fa fabbricare un prodotto che commercializza con il proprio nome o marchio.
  • Importatore: persona fisica o giuridica che immette sul mercato un prodotto realizzato in un paese terzo.
    • Deve accertarsi che il fabbricante abbia eseguito la procedura di conformità applicabile e preparato tutta la documentazione tecnica.
    • Deve accertarsi che la documentazione tecnica sia disponibile
    • Deve conservare copia della Dichiarazione di Conformità CE
    • Nome e indirizzo dell’importatore deve essere presente sul prodotto
  • Rappresentante autorizzato/Mandatario: colui che riceve un mandato scritto dal fabbricante per agire a suo nome per determinate compiti
    • Conservare Dichiarazione di Conformità e documentazione tecnica
    • Rispondere alla richieste dell’autorità di vigilanza del mercato
  • Distributore
    • Deve accertarsi che il prodotto sia marcato CE, riporti il nome del fabbricante e, se del caso, dell’importatore, e sia corredato della documentazione e delle istruzioni previste.

Per tutti gli operatori economici sono stati introdotti obblighi precisi in materia di rintracciabilità

NORME ARMONIZZATE

La conformità a una norma armonizzata conferisce la presunzione di conformità dei prodotti ai requisiti essenziali. Nelle nuove Direttive è stato rafforzato il principio e definita la portata della presunzione di conformità quando le norme armonizzate disciplinano solo parzialmente i requisiti essenziali.

VIGILANZA DEL MERCATO

Nelle nuove Direttive è stata rivista la procedura della clausola di salvaguardia, introducendo una fase di scambio di informazioni tra gli Stati Membri e precisando i
provvedimenti che devono essere presi dalle autorità di vigilanza qualora vengano scoperti prodotti non conformi.

VALUTAZIONE DI CONFORMITA’ E MARCATURA CE

Tutte le procedure di conformità sono state uniformate sulla base dei moduli descritti nell’allegato II della Decisione 768/2008. I principi generali della Marcatura CE sono definiti dall’articolo 30 del Regolamento 765/2008. Le disposizioni dettagliate per l’apposizione della marcatura CE sono state inserite nei testi delle nuove Direttive. Tutte le nuove direttive utilizzano lo stesso tipo di struttura, semplificandone in questo modo la consultazione, e sono scritte in maniera più lineare e “moderna”.

Le nuove direttive sono tutte strutturate come segue:

  • CAPO 1 – Disposizioni generali – Comprende l’oggetto e il campo di applicazione della direttiva, le definizioni, l’indicazione del significato della messa in servizio riferita alla specificità della direttiva e le regole relative alla libera circolazione dei prodotti nell’ambito della Comunità Europea.
  • CAPO 2 – Obblighi degli operatori economici – Individua tutti i possibili attori del mercato e ne individua gli obblighi di ciascuno.
  • CAPO 3 – Conformità delle apparecchiature – Indica le procedure di valutazione della conformità degli apparecchi ammesse dalla direttiva.
  • CAPO 4 – Notifica degli organismi di valutazione della conformità – Questa parte è presente solo nelle direttive che prevedono il ricorso a un organismo notificato fra le possibilità di procedura di valutazione della conformità degli apparecchi. Indica requisiti minimi degli organismi notificati e i loro obblighi, e le regole per il loro accreditamento.
  • CAPO 5 – Vigilanza del mercato dell’unione, controllo degli apparecchi che entrano nel mercato dell’unione e procedura di salvaguardia dell’unione – Nelle direttive dove non sono previsti organismi notificati, diventa il CAPO 4. Definisce le regole per la vigilanza del mercato da parte delle autorità preposte degli stati membri e definisce la procedura di salvaguardia.
  • CAPO 6 – Comitato, disposizioni transitorie e finali – Nelle direttive dove non sono previsti organismi notificati, diventa il CAPO 5. Fissa le procedure per il comitato che assiste la Commissione nella materia oggetto della direttiva, da le disposizioni relative al recepimento della direttiva e l’eventuale abrogazione di direttive esistenti.
  • ALLEGATI – Definiscono i requisiti essenziali di sicurezza, le procedure di valutazione della conformità applicabili e i contenuti della dichiarazione di conformità dei prodotti.

ENTRATA IN VIGORE DELLE NUOVE DIRETTIVE

  • Le Nuove Direttive LVD, EMC, ATEX, MID, NAWI, Ascensori, SPVD, Esplosivi per uso civile sono entrate in vigore il 20 aprile 2014.
  • Le Direttive attuali saranno abrogate a decorrere dal 20 aprile 2016; gli Stati membri devono pubblicare entro il 19 aprile 2016 i relativi decreti di recepimento.
  • Solo per la nuova Direttiva PED, li Stati Membri dovranno pubblicare il relativo decreto di recepimento nazionale della Direttiva 2014/68/UE entro il giorno 18 luglio 2016. Dopo tale pubblicazione sarà definitivamente abrogata la Direttiva 97/23/CE PED.
  • Le sole prescrizioni dell’articolo 13, relative alla classificazione delle attrezzature a pressione, dovranno essere applicate a decorrere dal 1 giugno 2015.