Pacchetto adeguamento Marcatura CE macchine extra-UE

La Direttiva Nuovo Approccio determina la responsabilità sulla veridicità della Dichiarazione di Conformità CE di macchine Extra-UE a tre livelli, quali il Fabbricante/Costruttore, il Mandatario se presente e in mancanza di quest’ultimo l’Importatore. Alla luce di questa nuova disposizione, l’Importatore verrà chiamato in causa qualora la sicurezza della macchina sia venuta meno e in fase di Procedimento Legale gli verrà richiesta la Dichiarazione di Conformità CE e il Fascicolo Tecnico. Di fronte ad evidenti carenze di sicurezza della macchina, seppure Marcato Ce a monte, l’Importatore ha l’obbligo di intervenire presso il Fabbricante nel richiedere le opportune modifiche, prima che la macchina venga immesso nel Mercato UE.

L’intervento di TECHNOSERVICE STUDIO si sviluppa nelle seguenti fasi:

  • Analisi dei Rischi sulla macchina (pre-immissione).
  • Valutazione della rispondenza delle targhette adesive di sicurezza (pittogrammi senza testi).
  • Realizzazione delle targhette adesive di sicurezza (se necessario) e posizionamento sulla macchina.
  • Redazione del Report preliminare con le richieste di adeguamento.
  • Valutazione della rispondenza della targhetta di identificazione della macchina.
  • Valutazione della rispondenza della Dichiarazione CE di Conformità.
  • Analisi dei Rischi definitiva sulla macchina adeguata.
  • Redazione del Report definitivo con le richieste di adeguamento risolte.

Il Fabbricante/Costruttore Extra-UE non sempre si è adeguato ai Requisiti della DM 2006/42/CE ma si è limitato spesso a esportare le proprie macchine mantenendolo tali e quali a quelle che vende nel proprio Paese. Anche l’Importatore quindi deve prendere coscienza della sicurezza della macchina Extra-UE a prescindere dal fatto che gli venga proposta con il Marchio CE.

EXTRA-EU PRODUCTS CE MARKING MODIFICATION/CORRECTION PACKAGE

Directive 2006/42/EC on machinery states that responsibility vis-à-vis the truthfulness of the CE Declaration of Conformity for non-EU machines is applied at three levels: the Manufacturer/Constructor, the Agent (where present) and, in the absence of the latter, the Importer. In light of this new regulation, the Importer shall be involved should there be machine safety shortcomings and during Legal Proceedings he/she shall be required to provide the CE Declaration of Conformity and the Technical Dossier. Should the machine have evident safety shortcomings even though it carries a CE marking that was applied beforehand, the Importer shall dialogue with the Manufacturer to request the required modifications before the machine is released on the EU market.
TECHNOSERVICE STUDIO provides a service divided into the following stages:

  • Risk Analysis on the machine (pre-release).
  • Assessment of proper compliance of adhesive safety stickers (pictograms without captions).
  • Production of adhesive safety stickers (if necessary) and their positioning on the machine.
  • Drawing up of a preliminary Report with the modification/correction requests.
  • Assessment of proper compliance of identification stickers/plaques on the machine.
  • Assessment of proper compliance of the CE Declaration of Conformity.
  • Definitive Risk Analysis on the modified machine.
  • Drawing up of a definitive Report illustrating the resolved correction requests.
  • Non-EU Manufacturers/Constructors have not always complied with the requisites of the Directive 2006/42/EC on machinery and have often simply exported their machines as sold in their own countries. Importers must therefore assess the safety of a non-EU regardless of the fact that it is has been proposed with the CE Marking.