Test per Livelli di Esposizione alle Vibrazioni (2002/44/CE)

Esposizione alle vibrazioniLa Direttiva 2002/44/CE reca le prescrizioni minime di sicurezza e di salute relative all’esposizione dei lavoratori ai rischi derivanti da agenti fisici (vibrazioni). La Direttiva prevede che il Datore di Lavoro effettui una identificazione “preliminare” del livello di esposizione dei propri lavoratori a:

  • Vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio (in grado di determinare disturbi vascolari, osteoarticolari, neurologici o muscolari).
  • Vibrazioni trasmesse all’intero corpo (in grado di determinare in particolare lombalgie e traumi del rachide).

In funzione di quanto rilevato, il Datore di Lavoro deve poi valutare se è necessario effettuare specifiche misurazioni in conformità agli standard tecnici di settore riportati dalla Direttiva. I valori misurati dovranno quindi essere confrontati con il valore limite giornaliero di esposizione che fa scattare l’azione e non dovrà superare il valore limite normalizzato al periodo di riferimento delle 8 ore. Ove i risultati della valutazione lo richiedano, il Datore di Lavoro dovrà disporre le misure minime per la riduzione del rischio di carattere tecnico-organizzativo, tra cui l’attività di sorveglianza sanitaria dei lavoratori potenzialmente esposti a vibrazioni meccaniche ritenute nocive per la salute. Il Datore di Lavoro dovrà fornire una giustificazione del fatto di non ritenere necessario approfondire la valutazione, sulla base dei criteri specificati all’art. 4 comma 4:

  • Livello, tipo e durata dell’esposizione.
  • Valori limite di esposizione a valori di esposizione che fanno scattare l’azione.
  • Eventuali effetti diretti ed indiretti sulla salute e sicurezza dei lavoratori.
  • Informazioni fornite dal costruttore dell’attrezzatura di lavoro.
  • Esistenza di attrezzature alternative progettate per ridurre l’esposizione.
  • Eventuale prolungamento del periodo di esposizione sotto la responsabilità del datore di lavoro.
  • Condizioni di lavoro gravose, quali le basse temperature.
  • Informazioni derivanti da attività di sorveglianza sanitaria svolta o da ricerche bibliografiche.

La valutazione del rischio viene aggiornata in funzione di modifiche sostanziali o qualora le risultanze e la sorveglianza sanitaria lo richiedano.

TECHNOSERVICE in collaborazione con Organismi Notificati di comprovata esperienza è in grado di assolvere a pieno alle esigenze specifiche dell’Azienda relativamente alla misurazione e certificazione dei livelli di vibrazioni